stefanodragone.net | DANTE SYNPHONIE
16956
single,single-portfolio_page,postid-16956,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
Category
Teatro
Tags
Troiane
About This Project

 10 luglio Villa Erba 18:30

Dante-Symphonie (Eine Symphonie zu Dantes Divina Commedia) S.109 di Franz Liszt (1811-1886)

Inferno

Purgatorio

Magnificat

Giorgio Martano, Andrés Gallucci, pianoforti

Stefano Dragone, Sara Zanobbio, voci recitanti

Massimo Fiocchi Malaspina, Maestro del coro

L’anniversario per i 700 anni dalla morte di Dante (1265-1321) fornisce il pretesto di ricordare i trascorsi di Franz Listz sul Lago di Como ed il luogo dove trasse ispirazione per la Dante-Symphonie (Eine Symphonie zu Dantes Divina Commedia) S.109.

Di Franz Liszt si ricorda il soggiorno a Como, con l’allora compagna Marie Catherine Sophie de Flavigny (1805-1876), scrittrice tedesca (nota per il nom de plume di Daniel Sterne), maritata e poi separata dal Conte d’Agoult; da Marie, nel dicembre del 1837, Liszt vide la nascita, in Piazza Cavour, della figlia, Cosima, futura moglie di Hans von Bülow e Richard Wagner. A pochi giorni dalla nascita della bambina eseguì uno splendido concerto al Teatro Sociale, che le cronache dell’epoca descrissero per il trionfo del giovane pianista, all’epoca ventiseienne.

Nei mesi che seguirono Liszt si trattenne sul Lago, tra la Città e Bellagio e altre mete, “Quando scrivete la storia di due amanti felici, ponetela sulle rive del Lago di Como. Non conosco luogo più manifestamente benedetto dal Cielo, non ne ho mai visto un altro dove gli incanti di una vita d’amore possano apparire più naturali”.

Proprio a Bellagio, all’ombra dei platani di Villa Melzi, nell’ammirare la statua dedicata a Dante e Beatrice colse l’ispirazione per la Dante-Symphonie (Eine Symphonie zu Dantes Divina Commedia) S.109, ultimata poi nel 1857 e dedicata all’amico Richard Wagner.

La Dante-Symphonie in re minore nasce per orchestra, ma viene nel contesto di Villa Erba proposta nella versione per due pianoforti, voci recitanti e coro, trascritta dall’autore stesso.